Dott. Giuseppe Libero Mangieri - Archeologo

“Attenzione maneggiare con cura”, potrebbe essere un’avvertenza utile per chiunque si avvicini al voluminoso volume in tre tomi “Manifesto della Sociosofia”. Attenzione, siete avvertiti, questo volume ci apre ad una visione nuova e rivoluzionaria della storia, della società, della politica, dell’economia, della vita.
È una guida alla vera storia dell’umanità ed al servaggio in cui da secoli l’uomo è immerso per una congiura di potenti burattinai, servaggio che è stato reso ancora più efficace attraverso un uso improprio della ricchezza.
Avere denaro o non averne o averne in quantità mostruosa è la vera discriminante della società in cui viviamo.
Ezra Pound, in una delle centinaia delle citazioni del volume, asseriva: che un banchiere o un professore vi dicano che il Paese non può fare questo o quell’altro perché non ha denaro, è una menzogna così abietta, così spudorata e stupida come se si dicesse che non può costruire strade perché non ha chilometri! (p. 915)
La moneta coniata fu realizzata approssimativamente agli inizi del VI sec. a. C. e lo scopo dell’utilizzo di un oggetto di metallo nobile era quello di facilitare i commerci senza che, in ogni transazione, si dovesse ricorrere ad una stadera per quantificarne il peso, come era in uso fino ad allora.
Oggi il denaro non è più un mezzo ma un idolo verso cui ci si prostra.
I soldi foggiano i nostri valori e le nostre relazioni, condizionano sentimenti e comportamenti.
Nessuno è contrario al denaro, anzi, esso è il valore più condiviso e accettato…i soldi sono il jolly della vita, la carta vincente, benvenuta sempre e dovunque.
Chi ha soldi non ha preoccupazioni, almeno non materiali.
Chi ha soldi trova amici dappertutto.
Solo chi non ne ha conosce la durezza della vita nella nostra società.
Chi non ha denaro è esposto alla miseria, alla solitudine, alla disperazione; espulso dalla società, chi è senza soldi diviene un paria (p. 61).
Ma un’altra società, un altro modo di vivere è ben possibile!
Siamo disposti a mettere da parte le nostre false conoscenze?
A far emergere la Verità che, come proclamava il Cristo, ci renderà liberi?
Non più solo mente, non più egoismo, non più idolatria ma una società basata sul “buon senso del popolo” per il benessere del popolo; questo è il senso, il significato e l’obiettivo della Sociosofia, realizzare una inversione dei ruoli: non più il popolo al servizio dello stato ma lo stato al servizio del popolo.

Il volume è una grande guida per realizzare tale svolta, attraverso una meditata lettura del testo, un’ampia condivisione, una rieducazione dei nostri modelli e delle giovani generazioni (magari il testo fosse studiato nelle scuole!), presupposti per il risveglio interiore.
Naturalmente tutto ciò potrà avvenire solo se procediamo insieme, cresciamo assieme, restiamo uniti e cresciamo in intelligenza tutti assieme, viviamo in amicizia e armonia. (Sai Baba, p. 2357).

Ci piace concludere con due meravigliosi auguri:

Il Signore ha voluto, e Tu realizzi;

Una nuova Luce sorge sulla Terra.

Un nuovo mondo sta per nascere.

E tutte le promesse saranno adempiute.

(Mére, p. 2356)

Sii felice, se tu sei felice il mondo è felice, tu sei il mondo

(HerakhanBaba – Babaji)

 

footer logo

Iscriviti alla Newsletter

Search